Circoli di Campo San Martino, Curtarolo e Santa Maria di Non

A- A A+

La Pop Art

sala consiliare - piazza Martiri, 7 Curtarolo | -

Francesca Rizzo
storica dell'arte

 

Il movimento artistico è nato negli anni Cinquanta e Sessanta del 20° secolo. Attraverso la scelta del termine pop si voleva identificare un'arte che parla un linguaggio che tutti conoscono: quello dei mass media, della pubblicità, della televisione e del cinema, ovvero il linguaggio per immagini tipico della società dei consumi.

Entrando in gara con il linguaggio aggressivo e impersonale dei mass media, la Pop Art sperimenta tecniche inedite, si serve di fotografie ritoccate, di collage e assemblages, di sculture in gesso e persino di gesti teatrali per svelare luci e ombre del recente benessere e denunciare lo smarrimento dell'uomo di fronte a una civiltà che impone desideri sempre nuovi e sogni sempre più amplificati.

Maestro riconosciuto della Pop Art fu A. Warhol che trasformò l'opera d'arte da oggetto unico in un prodotto in serie, come nella celebre serie dei barattoli di minestra Campbell, con la quale egli confermò, di fatto, che il linguaggio della pubblicità era ormai diventato arte e che i gusti del pubblico si erano a esso uniformati e standardizzati.

« Indietro